martedì 3 marzo 2009

La mummia - la tomba dell'imperatore dragone (The Mummy: Tomb Of The Dragon Emperor)


FILM: Ter­zo ca­pi­to­lo de “La mum­mia”, sa­ga fan­ta­sy av­ven­tu­ro­sa con cui Uni­ver­sal ha ri­pro­po­sto (e rein­ter­pre­ta­to) uno dei suoi più ce­le­bri mo­stri ci­ne­ma­to­gra­fi­ci. Rob Co­hen ha pre­so il po­sto di Ste­ven Som­mers die­tro la mac­chi­na da pre­sa, men­tre la co­pro­ta­go­ni­sta Ra­chel Weisz è sta­ta so­sti­tui­ta da Ma­ria Bel­lo (mo­glie di Vig­go Mor­ten­sen in A Hi­sto­ry of Vio­len­ce). An­che l’am­bien­ta­zio­ne è cam­bia­ta, dal mo­men­to che la vi­cen­da si svol­ge in Ci­na, men­tre il re­sto è tut­to tri­ste­men­te iden­ti­co ai pre­ce­den­ti due epi­so­di: an­che que­sto “La mum­mia: la tom­ba dell’im­pe­ra­to­re dra­go­ne” è in­fat­ti un In­dia­na Jo­nes dei po­ve­ri che nul­la ag­giun­ge a quan­to vi­sto nei film di Spiel­berg ed in più al­ter­na stu­pi­dità a bu­chi di sce­neg­gia­tu­ra in­ne­sca­ti da una ve­na fan­ta­sti­ca trop­po de­bor­dan­te. Bren­dan Fra­ser, con la sua espres­sio­ne ebe­te, è an­co­ra un vol­ta pro­ta­go­ni­sta nei pan­ni dell’av­ven­tu­rie­ro Rick O’Con­nel, men­tre il no­to “mar­tial ar­ti­st” Jet Li (di­gi­ta­le per ¾ di film, cau­sa in­di­spo­ni­bi­lità) è il cat­ti­vo­ne di ri­to. Que­st’ul­ti­mo, per la pre­ci­sio­ne, è uno spie­ta­to im­pe­ra­to­re dell’an­ti­ca Ci­na che, tra­sfor­ma­to in cre­ta as­sie­me a tut­to il suo eser­ci­to da una fat­tuc­chie­ra (Mi­chel­le Yeoh), si “riat­ti­va” do­po la pro­fa­na­zio­ne del­la sua tom­ba, e de­ci­de di sot­to­met­te­re chiun­que gli ca­pi­ti a ti­ro, pre­vio con­se­gui­men­to d'una "fun­zio­na­le" im­mor­ta­lità. Ad osta­co­la­re i pia­ni dell’im­pe­ra­to­re, a ca­val­lo fra Shan­gai e va­rie al­tre lo­ca­tion mon­ta­ne o de­ser­ti­che del­la Ci­na, Fra­ser/O’Con­nel, la mo­glie, il ri­di­co­lo co­gna­to (John Han­nan in ver­sio­ne Mr.Bean) e so­prat­tut­to il fi­glio Alex, tra­sfor­ma­to­si dal bam­bi­no del pre­ce­den­te epi­so­dio a "coe­ta­neo" del pa­dre, pro­prio co­me av­vie­ne in Beau­ti­ful. Dal­la sua, il film di Co­hen van­ta una con­fe­zio­ne sen­za dub­bio ec­ce­zio­na­le ed al­ter­na la sor­pren­den­te gran­dio­sità del­le lo­ca­tion (spet­ta­co­la­ri quel­le di Shan­gai e quel­le mon­ta­ne, do­ve però ci s'è di­men­ti­ca­ti la con­den­sa pro­dot­ta dal re­spi­ro de­gli at­to­ri) ad ef­fet­ti spe­cia­li in CG sem­pre più rea­li­sti­ci. Inol­tre, di­ver­te con sce­ne d’azio­ne mol­to ben co­reo­gra­fa­te (ma sem­pre a mi­su­ra di tre­di­cen­ne) ed af­fa­sci­na svi­lup­pan­do una sto­ria fan­ta­sy, spen­sie­ra­ta e sen­za pre­te­se, a par­ti­re da un ve­ro re­per­to sto­ri­co (que­sta vol­ta è il ben no­to “eser­ci­to di ter­ra­cot­ta”). Tut­ta­via, la scrit­tu­ra è così pes­si­ma e fram­men­ta­ta da an­da­re con­tro ogni lo­gi­ca, tan­to che il sud­det­to svi­lup­po as­su­me i to­ni, su­per­fi­cia­li e “sen­sa­zio­na­li­sti” d’una pun­ta­ta di tra­smis­sio­ni tv ti­po Voya­ger. L'umo­ri­smo è sem­pre stuc­che­vo­le, men­tre le com­pli­cità fa­mi­lia­ri, pos­si­bi­le va­lo­re ag­giun­to del­la sa­ga, si ri­sol­vo­no in un nul­la di fat­to. Esem­pio lam­pan­te, quel­le fra pa­dre fi­glio, che “acen­na­te” all'ini­zio (O'Con­nel è con­ten­to del­la car­rie­ra d'ar­cheo­lo­go in­tra­pre­sa se­gre­ta­men­te dal fi­glio ma lo na­scon­de al­la mo­glie, che in­ve­ce lo vo­le­va dot­to­re) ven­go­no di­men­ti­ca­te nel­la se­con­da par­te. Più nu­me­ro­si del so­li­to an­che i pla­gi dal già ci­ta­to In­dy: si va dal­le se­quen­ze a Shan­gai all’in­ci­den­te ae­reo, pas­san­do per l’amu­le­to che in­di­ca la via, l’in­gag­gio dei pro­ta­go­ni­sti da par­te del go­ver­no e ad­di­rit­tu­ra l’ac­qua cu­ra­ti­va, ta­le e qua­le a quel­la del Gra­hal. Co­me se non ba­stas­se, il “vil­lain” di Jet Li è sot­to­sfrut­ta­to “fi­si­ca­men­te” e ca­rat­te­riz­za­to, sen­za un bri­cio­lo di tra­gi­cità , mo­ti­va­zio­ne o al­me­no ro­man­ti­ci­smo, co­me un ipo­cri­ta me­schi­no, al­la fac­cia del­la più ba­si­la­re re­go­la dram­ma­tur­gi­ca che sug­ge­ri­reb­be un cat­ti­vo an­che più af­fa­sci­nan­te dell’eroe. La new en­try fem­mi­ni­le Ma­ria Bel­lo è ele­gan­te ed ar­ra­pan­tis­si­ma ma ciò non la sal­va da uno dei più pla­tea­li “mi­sca­sting” del­la sto­ria del ci­ne­ma: l’at­tri­ce, in­fat­ti, è trop­po “tor­ri­da” per la par­te (co­me di­men­ti­car­la in co­stu­me da ma­jo­ret­te con ma­no sul­la mu­tan­da in A Hi­sto­ry of vio­len­ce?) ed im­pro­po­ni­bi­le vi­ci­no al­la fac­cia da igua­na di Bren­dan Fra­ser. Inol­tre, è im­pac­cia­ta e la sua re­ci­ta­zio­ne trop­po so­pra le ri­ghe. No­no­stan­te tut­to, del film di Co­hen si pos­so­no sal­va­re, ol­tre al già ci­ta­to com­pen­dio tec­ni­co/ci­ne­ti­co, qual­che de­ri­va fol­le (le sce­ne con gli ye­ti, o le al­tre crea­tu­re) e gli esi­la­ran­ti, quan­to in­vo­lon­ta­ri, ri­svol­ti “so­cia­li” dell'ul­ti­mo scon­tro fra gli eser­ci­ti, con gli “ope­rai” del­la mu­ra­glia ci­ne­se che ri­sor­go­no per suo­nar­le ai “pa­dro­ni”. Ma il re­sto è un bi­slac­co su­per­spot del­la Ci­na, co­mun­que mol­to più go­di­bi­le, in­no­cuo e “ci­ne­ma­to­gra­fi­co” dei due Tomb Rai­der (non che ci vo­les­se mol­to, co­mun­que).





QUALITA' VIDEO (10 su 10) : Il film sarà an­che sca­den­te ma il vi­deo del Blu­ray è fra i mi­glio­ri vi­sti ne­gli ul­ti­mi tem­pi e di si­cu­ro fra i più spet­ta­co­la­ri in as­so­lu­to. Le im­ma­gi­ni, in for­ma­to 2.35:1, so­no com­pres­se in AVC mpe­g4 su un BD a dop­pio stra­to e fin dal pro­lo­go in Ci­na van­ta­no una de­fi­ni­zio­ne che to­glie il fia­to. Il sen­so di "sot­ti­gliez­za" è spin­to al li­mi­te (tan­to che su di­splay HD rea­dy si han­no lie­vi tre­mo­lii dei con­tor­ni), men­tre la po­ro­sità (dei vol­ti e del­le tra­me) è così pro­mi­nen­te da crea­re il ce­le­bre "ef­fet­to fi­ne­stra" che con­trad­di­stin­gue i mi­glio­ri tra­sfe­ri­men­ti HD. La pel­li­co­la è in con­di­zio­ni per­fet­te e pre­sen­ta so­lo qual­che mi­nu­sco­la spun­ti­na­tu­ra bian­ca: in più, van­ta una tra­ma mol­to fi­ne e che re­sti­tui­sce un qua­dro ul­tra-ci­ne­ma­to­gra­fi­co (a dif­fe­ren­za di quan­to ac­ca­de in film to­tal­men­te di­gi­ta­li co­me Zo­diac o Speed Ra­cer, che so­no as­sa­si più ar­ti­fi­cio­si). Fin dal già ci­ta­to pro­lo­go, gli ef­fet­ti spe­cia­li di­gi­ta­li ri­sal­ta­no con una ni­ti­dez­za che bu­ca lo scher­mo, e lo stes­so ac­ca­de per le tra­me dei co­stu­mi (in­tri­ca­tis­si­me e ric­che di det­ta­glio) e di cer­ti ele­men­ti ar­chi­tet­to­ni­ci stra­ca­ri­chi di par­ti­co­la­ri. Sem­pre nel pro­lo­go, le sce­ne di mas­sa so­no per­fet­ta­men­te a fuo­co e s'esten­do­no a per­di­ta d'oc­chio, men­tre i fon­da­li (stre­pi­to­si quel­li con la mu­ra­glia ci­ne­se) so­no così det­ta­glia­ti e na­tu­ra­li da sem­bra­re di­pin­ti sul di­splay (o sul­lo scher­mo di pro­ie­zio­ne). Per in­ci­so, già nel­la pri­mis­si­ma par­te que­sto tra­sfe­ri­men­to van­ta una sfil­za di pae­sag­gi da far im­pal­li­di­re un "mo­stro sa­cro" co­me il ce­le­bre "Ba­ra­ka" (vi­sto ma non an­co­ra re­cen­si­to) ed in se­gui­to ne pre­sen­ta al­tri an­co­ra più sba­lor­di­ti­vi. Ve­ro è che i fon­da­li de "La Mum­mia" so­no spes­so di­gi­ta­li (quin­di fin­ti) ma la lo­ro re­sa vi­deo è mi­glio­re di quel­la vi­sta in Ba­ra­ka, se non al­tro per l'as­sen­za di DNR ed Ed­ge en­han­ce­ment, pre­sen­ti, in­ve­ce, nel Blu­ray di Ba­ra­ka. I pri­mi pia­ni so­no qua­si sem­pre per­fet­ti, con so­lo po­chis­si­me in­qua­dra­tu­re leg­ger­men­te fuo­ri fuo­co (o con un'il­lu­mi­na­zio­ne me­no riu­sci­ta), men­tre la tri­di­men­sio­na­lità ri­sul­ta sem­pre spet­ta­co­la­re, con vet­te di pu­ra esal­ta­zio­ne nel­le pri­me sce­ne in ca­sa dei pro­ta­go­ni­sti. In ta­li pas­sag­gi, fra l'al­tro, il li­vel­lo di det­ta­glio del­le sup­pel­let­ti­li (mo­bi­li, tap­pe­ti, tro­fei, etc.) è dav­ve­ro in­cre­di­bi­le. Con­tra­sto e lu­mi­no­sità so­no ca­li­bra­ti al­la per­fe­zio­ne e lo di­mo­stra­no sia i ne­ri, pro­fon­dis­si­mi ma iper-det­ta­glia­ti, che i bian­chi, mol­to lu­mi­no­si ma non "sfri­go­lan­ti". Se­quen­ze co­me quel­le not­tur­ne am­bien­ta­te a Shan­ghai non fan­no al­tro che con­fer­ma­re tut­te le do­ti ap­pe­na ci­ta­te del vi­deo e in più "at­ter­ri­sco­no" con pri­mi pia­ni iper­ta­glien­ti (tut­ti quel­li con lu­ce di­ret­ta) ed una re­sa su­bli­me di lu­ci, bot­ti e "scin­til­le", co­me ad esem­pio quel­le del­le esplo­sio­ni e dei fuo­chi d'ar­ti­fi­cio. Fra l'al­tro, lo stes­so ti­po di det­ta­glio "par­ti­cel­la­re" ap­pa­ga nel­le mol­te se­quen­ze am­bien­ta­te fra i ghiac­ci, do­ve im­per­ver­sa una ne­ve fi­nis­si­ma, ed in quel­le più "sab­bio­se" dell'ul­ti­ma par­te. Da in­cor­ni­cia­re, fra le tan­te, la se­quen­za del "ri­sve­glio" dell'im­pe­ra­to­re, che non so­lo di­mo­stra la per­fet­ta te­nu­ta del vi­deo in sce­ne po­co il­lu­mi­na­te o "pol­ve­ro­se", ma, di nuo­vo, van­ta det­ta­gli qua­si ip­no­ti­ci co­me quel­li dei ca­val­li di ter­ra­cot­ta (ve­de­re lo screen­cap de­di­ca­to per cre­de­re). Al­tret­tan­to me­mo­ra­bi­li so­no le sce­ne am­bien­ta­te a Shan gri la, che van­ta­no sia un pa­io di to­ta­li da "con­ge­la­re" e ap­pen­de­re al mu­ro, sia pri­mi pia­ni (sui vol­ti del­le at­tri­ci) da pu­ra con­tem­pla­zio­ne. La co­lo­ri­me­tria è mol­to par­ti­co­la­re e vi­ra­ta su to­na­lità un po' "vin­ta­ge": tut­ta­via, le tin­te pri­ma­rie so­no sem­pre cal­de (sal­vo il ver­de che, quan­do pre­sen­te, è ab­ba­stan­za scu­ro), men­tre le sce­ne più "me­tro­po­li­ta­ne" van­ta­no un spet­ta­co­la­re ca­lei­do­sco­pio cro­ma­ti­co. Gli in­car­na­ti so­no ab­ba­stan­za gial­la­stri, an­che se ciò non sto­na con scel­te di fo­to­gra­fia che pri­vi­le­gia­no do­mi­nan­ti aran­cia­te, az­zur­ri­ne e ver­de bot­ti­glia. Que­ste ul­ti­me, in par­ti­co­la­re, so­no evi­den­ti nel­le già ci­ta­te sce­ne fra i mon­ti, do­ve pe­ral­tro ri­sal­ta­no an­che una lu­mi­no­sità for­mi­da­bi­le del­le sce­ne not­tur­ne, un det­ta­glio ele­va­to de­gli am­bien­ti e di nuo­vo una tra­ma in­tri­ca­tis­si­ma di crea­tu­re ed ele­men­ti ar­chi­tet­to­ni­ci (gli Ye­ti, il pon­te di cor­de, i va­ri "tem­pli"). Co­me già in­tui­bi­le (an­che per­chè già ac­cen­na­to so­pra), non si se­gna­la la pre­sen­za di ne­fa­sti al­go­rit­mi an­ti­ru­mo­re DNR, col ri­sul­ta­to che la po­ro­sità dell'im­ma­gi­ne bu­ca sem­pre lo scher­mo, sen­za mai (e si sot­to­li­nea il -mai-) crea­re scie, ce­ro­sità o un sen­so di pu­li­zia ar­te­fat­ta. In qual­che sce­na, però, la gra­na fi­nis­si­ma di­ven­ta me­no na­tu­ra­le, fi­no a tra­sfor­mar­si in ve­ro e pro­prio ru­mo­re vi­deo: ma i pas­sag­gi in cui que­sto av­vie­ne so­no dav­ve­ro spa­ru­ti e mai af­flit­ti da ca­li di det­ta­glio, sem­pre al top. Co­me già det­to, l'ed­ge en­han­ce­ment sta al mi­ni­mo sin­da­ca­le (e ciò è un mi­ra­co­lo, vi­sta la ni­ti­dez­za) e la com­pres­sio­ne è tra­spa­ren­te, con so­lo un pa­io di di­scre­tiz­ze­zio­ni ap­pe­na ac­cen­na­te sul­le in­qua­dra­tu­re del cie­lo all'ini­zio ed al­la fi­ne del film. In de­fi­ni­ti­va, un ve­ro vi­deo de­mo, bel­lo da ve­de­re e da mo­stra­re, na­tu­ra­lis­si­mo e con nem­me­no una so­la sce­na che ren­da la vi­sio­ne fa­ti­co­sa. La va­lu­ta­zio­ne , quin­di, non può che es­se­re pie­na: le im­per­fe­zio­ni ci so­no (so­lo i CG-mo­vie ti­po Pi­xar pos­so­no es­ser­ne pri­vi) ma scom­pa­io­no di fron­te ai pre­gi e fran­ca­men­te vie­ne da chie­der­si quan­to si pos­sa fa­re me­glio di così ri­ver­san­do su Blu­ray un film gi­ra­to in pel­li­co­la 35 mm.



Screencapture Blu-Ray: full HD jpeg (occhio agli spoiler!!)



Altri screencapture dopo il commento sull'audio.


QUALITA' AUDIO (9 su 10): L'au­dio ita­lia­no DTS 768 kbit non è straor­di­na­rio co­me il vi­deo ma po­co ci man­ca, al­me­no per qua­lità di mix e ni­ti­dez­za. Uni­ci, pic­co­li di­fet­ti so­no il li­vel­lo del­le vo­ci, sen­si­bil­men­te più bas­so di tut­to il re­sto, ed un su­b­woo­fer che, pur po­ten­tis­si­mo, non so­no­riz­za la sce­na in mo­do co­stan­te: ma per il re­sto, si trat­ta d'uno spet­ta­co­lo so­no­ro che coin­vol­ge dal pri­mo all'ul­ti­mo mi­nu­to. Fin dal pro­lo­go, s'ap­prez­za­no il vo­lu­me di re­gi­stra­zio­ne mol­to al­to (sal­vo per le sud­det­te vo­ci) e l'am­piez­za del fron­te an­te­rio­re. Que­st'ul­ti­mo, inol­tre, stu­pi­sce per la net­tez­za de­gli ef­fet­ti la­te­ra­li e van­ta una de­fi­ni­zio­ne del­le me­die fre­quen­ze stre­pi­to­sa (no­no­stan­te la co­di­fi­ca non HD). Di con­se­guen­za, gli ef­fet­ti pi­ro­tec­ni­ci, che fin dai pri­mi mi­nu­ti ac­com­pa­gna­no l'azio­ne, so­no fra i più sec­chi sen­ti­ti ne­gli ul­ti­mi tem­pi. An­che i pan­ning non so­no da me­no e com­pren­do­no tran­si­zio­ni d'ogni ge­ne­re. La bat­ta­glia ini­zia­le met­te su­bi­to in evi­den­za il gran­de ca­lo­re del­la trac­cia, men­tre la sce­na che se­gue (ed in cui vie­ne in­tro­dot­to l'eroe) la­scia in­tui­re la qua­lità d'ef­fet­ti co­me spa­ri o al­tri scop­pi vio­len­ti. Co­me il re­sto del­la trac­cia, le mu­si­che suo­na­no cal­dis­si­me ed in più so­no mol­to in pri­mo pia­no, an­che se que­ste non co­pro­no mai gli ef­fet­ti no­no­stan­te la lo­ro esu­be­ran­za. Il ru­mo­re di fon­do è ine­si­sten­te, men­tre la ni­ti­dez­za è a li­vel­li re­cord per tut­to il film: un buon esem­pio in pro­po­si­to vie­ne dal­la sce­na il cui il fi­glio del pro­ta­go­ni­sta ri­tro­va la mum­mia, stra­pie­na d'ef­fet­ti (co­me frec­ce, spa­ri, "fru­sta­te", crol­li, fru­scio del­la sab­bia ed ogni ti­po di si­bi­lo) che esco­no let­te­ral­men­te dai dif­fu­so­ri per pie­nez­za e de­fi­ni­zio­ne. Lo stes­so di­ca­si per la sce­na, di po­co suc­ces­si­va, del ri­sve­glio del­la mum­mia e quin­di per quel­la del lun­go in­se­gui­men­to a Shan­gai, che in­clu­de de­fla­gra­zio­ni fra le più ro­boan­ti (e al con­tem­po "dol­ci") udi­bi­li in que­sto ti­po di co­lon­ne so­no­re. Co­me an­ti­ci­pa­to, il vo­lu­me del­le vo­ci sul cen­tra­le è un po' bas­so: tut­ta­via, lo stac­co non ri­sul­ta mai trop­po fa­sti­dio­so e le vo­ci stes­se so­no sem­pre mol­to pu­li­te, con an­che no­te­vo­li do­ti di pie­nez­za nel ca­so di quel­la di Bren­dan Fra­ser. Pec­ca­to so­lo che que­ste ul­ti­me non van­ti­no quel rea­li­smo as­so­lu­to ti­pi­co di trac­ce in al­ta de­fi­ni­zio­ne e non sia­no sem­pre ben amal­ga­me­te al re­sto del­la sce­na so­no­ra. Sem­pre sul cen­tra­le, co­mun­que, gli ef­fet­ti so­no esplo­si­vi e all'al­tez­za di quel­li sui ca­na­li la­te­ra­li, con bas­si così tel­lu­ri­ci da non far rim­pian­ge­re l'oc­ca­sio­na­le as­sen­za del su­b­woo­fer (co­me av­vie­ne, ad esem­pio, nel­la sce­na con l'ae­reo). A que­sto pro­po­si­to, va­le la pe­na go­der­si la se­quen­za dell'as­se­dio sui mon­ti, che sfog­gia (sul cen­tra­le ma an­che su­gli al­tri dif­fu­so­ri) un cam­pio­na­rio d'ef­fet­ti "bel­li­ci" (spa­ri, scop­pi, raz­zi, col­pi di rim­bal­zo etc.) da fa­re in­vi­dia a "Sal­va­te il sol­da­to Ryan". Co­me se non ba­stas­se, la stes­sa sce­na col­pi­sce al­lo sto­ma­co con gli ef­fet­ti de­gli ye­ti e del­la va­lan­ga. I ca­na­li po­ste­rio­ri svol­go­no un la­vo­ro in­ces­san­te per tut­to il film: nel­le sce­ne d'azio­ne si sca­te­na­no con ef­fet­ti at­ti­vi, pan­ning si­ni­stra de­stra e fron­te re­tro (me­mo­ra­bi­li cer­te "fiam­ma­te" lan­cia­te dal­la mum­mia al­le spal­le del­lo spet­ta­to­re), men­tre in quel­le più tran­quil­le pro­pon­go­no un'am­bien­za mol­to ste­ro­fo­ni­ca e de­fi­ni­ta ma non fa­sti­dio­sa. Ad­di­rit­tu­ra, in al­cu­ne sce­ne si pos­so­no udi­re ef­fet­ti vo­ca­li po­ste­rio­ri net­tis­si­mi (e tra­dot­ti in ita­lia­no, ov­via­men­te), men­tre le sce­ne più mi­sti­che av­vol­go­no con echi e scie a dir po­co stu­pe­fa­cen­ti. E si po­treb­be con­ti­nua­re con gli ef­fet­ti del­le va­rie crea­tu­re in cui si tra­sfor­ma la mum­mia, con i rom­bi de­gli ae­rei, e le "ven­ta­te" de­gli im­man­ca­bi­li "mu­ri di frec­ce" sca­glia­ti du­ran­te la bat­ta­glie: ma l'elen­co sa­reb­be in­fi­ni­to. L'as­sen­za di qual­sia­si di­stor­sio­ne, an­che nel­le sce­ne più fra­go­ro­se, sug­gel­la la re­sa tut­to som­ma­to ec­ce­zio­na­le d'una trac­cia po­ten­te, cal­da e "di­ver­ten­tis­si­ma".



Screencapture Blu-Ray: full HD jpeg (occhio agli spoiler!!)



Altri screencapture dopo il commento agli extra.


QUALITA' CONTENUTI EXTRA (7 su 10): Gli ex­tra so­no ab­ba­stan­za nu­me­ro­si, an­che se non mo­nu­men­ta­li, e so­no ri­par­ti­ti fra "clas­si­ci" ed "in­te­rat­ti­vi". Que­sti ul­ti­mi so­no frui­bi­li, so­lo du­ran­te il film, at­tra­ver­so la mo­da­lità di vi­sio­ne "U-con­trol", ca­rat­te­riz­za­ta da una con­so­le gra­fi­ca (so­vrap­po­sta al­le im­ma­gi­ni) che Uni­ver­sal ha in­clu­so in tut­ti i suoi ti­to­li ad al­ta de­fi­ni­zio­ne (an­che quel­li pas­sa­ti in HDD­VD). In det­ta­glio, i con­te­nu­ti ex­tra in­clu­do­no:


Traccia di commento del regista Rob Cohen (sottotitolata sia in inglese che in italiano)

Scene eliminate o estese (SD, 10 min. 45 sec.)

Il making ok di The mummy: tomb of the dragon emperor (HD, 22 min. 50 sec.)

Featurette "Dalla città al deserto" (HD, 15 min. 44 sec.)

Featurette "L'eredità della terracotta" (HD, 13 min. 35 sec.)

Modalità di viosne "U-control", comprendente gli inserti interattivi:

- Esplora le scene (confronto multiangolo fra storyboard, scene "grezze" e scene ultimate)

- Conosci la mummia (Nozioni e parallelismi che riguardano i film della saga, proposti in un'elegante interfaccia 3D)

- La sfida dell'imperatore dragone (Quiz "realtà o finzione" su elementi delle scene in corso)

- Commento visivo del regista Rob Cohen (Picture in picture con sottotitoli anche in italiano)

- Immagine nell'immagine (frammenti di dietro le quinte con sottotitoli anche in italiano)

Inserti BDlive accessibili tramite Internet.

Le sce­ne este­se ag­giun­go­no po­co nul­la al­lo spes­so­re già ine­si­sten­te dei per­so­nag­gi ma pre­sen­ta­no qual­che det­ta­glio vio­len­to in più che pro­ba­bil­men­te è sta­to ta­glia­to per que­stio­ni di "ra­ting". Il ma­king of prin­ci­pa­le è in­ve­ce ab­ba­stan­za in­te­res­san­te, se non al­tro per i va­ri ap­pro­fon­di­men­ti su­gli aspet­ti tec­ni­ci del­la la­vo­ra­zio­ne: ad esem­pio, la co­stru­zio­ne dei set più spet­ta­co­la­ri, o la rea­liz­za­zio­ne d’al­cu­ni ef­fet­ti di­gi­ta­li. Non che il do­cu­men­ta­rio sia par­ti­co­lar­men­te esau­sti­vo (d'al­tron­de la du­ra­ta è esi­gua) ma l'ot­ti­mo rit­mo e i mol­ti in­ter­ven­ti di Rob Co­hen (che si pro­fes­sa un su­per­fan del­la Ci­na) ten­go­no sem­pre de­sta l'at­ten­zio­ne. Le ul­te­rio­ri due fea­tu­ret­te am­plia­no cer­ti ap­set­ti re­la­ti­vi al­le lo­ca­tion, ri­par­ti­te fra Mon­treal e la Ci­na, ed in­clu­do­no sva­ria­te in­ter­vi­ste a ca­st e trou­pe. In par­ti­co­la­re, ri­sal­ta­no al­cu­ni fram­men­ti con Jet Li (ado­ra­to da tut­ti co­me una di­vi­nità) ed al­la po­co cre­di­bi­le at­tri­ce Ma­ria Bel­lo: ma a far da mat­ta­to­re è sen­za dub­bio il pro­ta­go­ni­sta Bren­dan Fra­ser, che nei suoi in­ter­ven­ti mo­no­sil­la­bi­ci dà l'im­pres­sio­ne di tro­var­si nel mez­zo d'un trip aci­do. Fol­lie del ca­st a par­te, ri­sul­ta­no ab­ba­stan­za pia­ce­vo­li gli aned­do­ti del "ci­no­fi­lo" Co­hen, che spie­ga co­me Jet Li sia sta­to so­sti­tui­to, per 3/4 di film, da un suo dop­pio di­gi­ta­le in ter­ra cot­ta non tan­to per un vez­zo di sce­neg­gia­tu­ra ma per l'im­pos­si­bi­lità d’ave­re l'at­to­re in car­ne ed os­sa, cau­sa i suoi al­tri im­pe­gni. Al­tret­tan­to pia­ce­vo­li (ma più per la lo­ro in­ge­nuità) so­no i rac­con­ti sull’at­ten­zio­ne ri­po­sta nel trat­ta­re gli aspet­ti del­la cul­tu­ra ci­ne­se, men­tre ven­go­no un po’ a no­ia le im­man­ca­bi­li raf­fi­che di com­pli­men­ti re­ci­pro­ci, stra­pie­ne dei più abu­sa­ti su­per­la­ti­vi. Fra i con­te­nu­ti U-con­trol (pro­va­ti in mi­ni­ma par­te), ri­sul­ta­no spet­ta­co­la­ri, quan­to inu­ti­li, gli in­ser­ti sul­le “no­zio­ni” dei va­ri film e qua­si lo stes­so va­le per il quiz, che, pre­sen­ta­to in un’in­ter­fac­cia ac­cat­ti­van­te, al­ter­na do­man­de in­te­res­san­ti ad al­tre ri­di­co­le. Le sce­ne in mul­ti­na­go­lo, i pic­tu­re in pic­tu­re con Rob Co­hen e i fram­men­ti di die­tro le quin­te sem­bra­no in­ve­ce gu­sto­si: pec­ca­to però non sia pos­si­bi­le ve­der­li al di fuo­ri del film (co­me da tra­di­zio­ne U-con­trol) se non al­tro per go­de­re del­le im­ma­gi­ni a pie­no scher­mo. L’in­ter­fac­cia di con­trol­lo (la “U-con­trol”, per l’ap­pun­to) è mol­to ben con­ge­nia­ta e con­si­ste in una “pul­san­tie­ra” che, po­sta sul­la de­stra dell’im­ma­gi­ne, s’al­lun­ga o ac­cor­cia ver­ti­cal­men­te in ba­se al­la quan­tità d’in­ser­ti ac­ces­si­bi­li in una da­ta sce­na. Per ac­ce­de­re agli in­ser­ti ba­sta se­le­zio­na­re col te­le­co­man­do uno dei pul­san­ti (va­ria­bi­li, nel nu­me­ro, da 1 a 5, pro­prio quan­te so­no le ti­po­lo­gie di con­te­nu­ti). Per sem­pli­fi­ca­re l’ac­ces­so, co­mun­que, i me­de­si­mi in­ser­ti ven­go­no ri­pro­po­sti an­che nell’in­di­ce del­le sce­ne, così che si pos­sa­no ve­de­re sen­za “scor­re­re” tut­to il film. Da no­ta­re, però, che la lo­ro se­le­zio­ne ri­man­da al pun­to del film in cui es­si so­no col­lo­ca­ti e non all’in­ser­to stes­so. La qua­lità del­le im­ma­gi­ni HD è ec­cell­len­te (con ov­vi ca­li du­ran­te le ri­pre­se not­tur­ne o in con­di­zio­ni dif­fi­ci­li), men­tre quel­la del do­cu­men­ta­rio in de­fi­ni­zio­ne stan­dard è di­scre­ta. Il vi­deo de­gli in­ser­ti U-con­trol, “in­ca­sel­la­to” nell’im­ma­gi­ne Full HD del film, è ot­ti­mo ma ha di­men­sio­ni trop­po esi­gue. Tut­ti gli in­ser­ti so­no sot­to­ti­to­la­ti an­che in ita­lia­no.



Screencapture Blu-Ray: full HD jpeg (occhio agli spoiler!!)



link a recensioni esterne:
Scheda del film:
Hardware con cui vedo e ascolto i Blu-Ray (in giallo quello usato per recensire il titolo):
    DISPLAY
    Panasonic plasma FULL HD 55' 3D TX-P55ST50E
    Panasonic plasma FULL HD 50' TX-P50S20
    Panasonic plasma FULL HD 46' TX-P46U20
    Panasonic plasma HD READY 50' TH50-PV60
    Panasonic plasma HD READY 42' TH42-PX7
    Epson proiettore LCD FULL HD EMP TW-980
    Epson proiettore LCD FULL HD EMP TW-680

    LETTORI
    Sony Playstation 3
    Sony BDP S-500
    Sony BDP S-550
    Samsung BDP 1400
    Samsung BDP 1500

    AMPLIFICATORI + DECODER + DIFFUSORI
    Onkyo TX DS-676, Jbl Tlx 500 (centrale), Jbl tlx 700 (frontali, posteriori), Jamo X5 (subwoofer attivo)
    Onkyo TX DS-555, Technics Sh-500, Technics Sb-ca21 (frontali), Wharfedale Modus 3 (posteriori), infinity ref. 100 (centrale)
    Sony str-db 830, sistema satelliti + subwoofer Jbl Scs 140

    CUFFIE
    Decoder Sony MDR-1000 + cuffie Sony MDR-XB600
    Decoder + cuffie Sony MDR-6500
    Decoder + cuffie 5.1 Sharkoon X-tatic Digital

3 commenti:

Drachetto ha detto...

Povero il 'mio' Rob Cohen, in questi anni è diventato irriconoscibile, dirigendo una serie di film superficialotti e senza anima infarciti solo di effetti speciali.

DartBadio ha detto...

Ed è un peccato, perchè Cohen gira le scene d'azione piuttosto bene. Poi Dragonheart era davvero carino.

Se gli affidassero qualcosa d'un po' più "scorretto" (e non "pg-13") farebbe un buon lavoro, imho ;)

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie