lunedì 25 gennaio 2010

Segnali dal futuro (Knowing)


FILM: Da Alex Proyas (re­gi­sta de Il Cor­vo, Dark Ci­ty ed Io, Ro­bot) un th­ril­ler sul­la pre­mo­ni­zio­ne, e sul con­flit­to fra de­ter­mi­ni­smo e ca­sua­lità. In­ter­pre­ta­to da Ni­cho­las Ca­ge, me­sco­la pa­ra­nor­ma­le ed in­que­tu­di­ni po­st un­di­ci set­tem­bre, per poi as­su­me­re, in mo­do inat­te­so, una pie­ga to­tal­men­te fan­taa­po­ca­lit­ti­ca. La sce­neg­gia­tu­ra ri­man­da al con­fron­to con l'estin­zio­ne ed al po­si­zio­na­men­to (in­com­pren­si­bi­le) dell'uo­mo nell'uni­ver­so: ma la ri­fles­sio­ne è ab­boz­za­ta, men­tre i per­so­nag­gi so­no ste­reo­ti­pa­ti ol­tre­mi­su­ra, pro­prio co­me cer­te si­tua­zio­ni. Il com­par­to "vi­si­vo", al­me­no, è stre­pi­to­so, gra­zie a sce­ne di ca­ta­stro­fi che spa­zia­no dall'ul­tra­rea­li­sti­co al vi­sio­na­rio. Ap­prez­za­bi­le an­che la cu­pez­za inu­sua­le, non­chè cer­ti ri­fe­ri­men­ti bi­bli­ci ed una de­ter­mi­na­zio­ne, a spin­ger­si "fi­no in fon­do", li­be­ra da ri­pen­sa­men­ti buo­ni­sti (an­che se non pri­va di spe­ran­za). Il rit­mo, in­fi­ne, è piut­to­sto ser­ra­to, men­tre gli enig­mi nu­me­ri­ci (as­sie­me al­la de­ri­va mil­le­na­ri­sta) in­tri­ga­no ab­ba­stan­za da per­do­na­re le mol­tis­si­me for­za­tu­re. Pec­ca­to giu­sto per un Ni­cho­las Ca­ge mo­noe­spres­si­vo co­me sem­pre, e con una ca­pi­glia­tu­ra (al­la Ce­sa­re Ra­gaz­zi) si­mi­le a quel­la di Tom Hanks nei va­ri "Co­di­ci". Ana­lo­gia fra que­sto ed il mi­glior la­vo­ro di Proyas, Dark Ci­ty: in en­tram­be le pel­li­co­le, l'uma­nità è sor­ve­glia­ta da es­se­ri "su­pe­rio­ri" e te­sta­ta nel­la spi­ri­tua­lità. I fi­ni so­no op­po­sti ma l'esi­to, per gli uo­mi­ni, è sem­pre lo schiu­der­si d'un mon­do pa­ra­di­sia­co.





QUALITA' VIDEO (9 su 10): Se­gna­li dal fu­tu­ro è gi­ra­to in vi­deo di­gi­ta­le 4k, e tra­sfe­ri­to su Blu-Ray (sup­por­to da 25 Gi­ga­by­te) a par­ti­re da un in­ter­me­dio di­gi­ta­le a ri­so­lu­zio­ne 2k. Le im­ma­gi­ni, com­pres­se in AVC nel lo­ro for­ma­to ori­gi­na­le 2.35:1, col­pi­sco­no per la de­fi­ni­zio­ne, an­che se han­no quell'aspet­to un po' "ar­ti­fi­cio­so" ti­pi­co del­le ri­pre­se in vi­deo. I to­ta­li so­no ni­ti­dis­si­mi, e pie­ni di par­ti­co­la­ri an­che mol­to ta­glien­ti. Lo stes­so va­le per i cam­pi me­di, i qua­li, sia all'aper­to che al chiu­so, ri­ve­la­no in mo­do stra­bi­lian­te le "tra­me" de­gli sce­na­ri. La ni­ti­dez­za dei vol­ti è mol­to buo­na, ma non ec­ce­zio­na­le co­me nei film in pel­li­co­la: i li­nea­men­ti, in­fat­ti, so­no sot­ti­li, ma la re­sa del­la pel­le è un po' pa­sto­sa, so­prat­tut­to in sce­ne con me­dia lu­ce. Non man­ca­no ec­ce­zio­ni spet­ta­co­la­ri (cer­ti pri­mi pia­ni sui pro­ta­go­ni­sti), an­che se in que­sto com­par­to non si toc­ca­no mai i ver­ti­ci. La gra­na è as­sen­te (vi­sto che il film è gi­ra­to in vi­deo) e non si ri­le­va trac­cia di ru­mo­re vi­deo, an­che nel­le se­quen­ze più cri­ti­che. Di con­se­guen­za, la pu­li­zia del­le im­ma­gi­ni è as­so­lu­ta ma, no­no­stan­te que­sto, il qua­dro non ha un aspet­to "pla­sti­co­so", o "dis­sol­to", co­me quan­do s'ap­pli­ca­no i fil­tri di pu­li­zia di­gi­ta­le. I co­lo­ri, sem­pre pu­li­tis­si­mi, so­no ab­ba­stan­za de­sa­tu­ra­ti e pre­sen­ta­no una lie­ve do­mi­nan­te "sep­pia­ta" nel­le sce­ne diur­ne. Al con­tra­rio, le sce­ne not­tur­ne ap­pa­io­no un po' ver­da­stre o cia­no. Gli in­car­na­ti, co­mun­que, so­no ab­ba­stan­za na­tu­ra­li e non man­ca­no sva­ria­te "in­tru­sio­ni" di to­na­lità mol­to cal­de, so­prat­tut­to del ros­so/aran­cio­ne. Sem­pre a li­ve­lo cro­ma­ti­co, stu­pi­sce la com­ples­sità d'al­cu­ni to­ta­li, in par­ti­co­la­re quel­li sul la­bo­ra­to­rio e sul­la città, du­ran­te la cor­sa ver­so la me­tro­po­li­ta­na. La lu­mi­no­sità è nel­la me­dia, ed il con­tra­sto buo­no, men­tre il li­vel­lo del ne­ro è ec­ce­zio­na­le. Que­st'ul­ti­mo, in­fat­ti, è "bas­so" ma non na­scon­de det­ta­gli ed an­zi, nel­le mol­te sce­ne scu­re (a ca­sa di Ca­ge e nel bo­sco) re­sti­tui­sce in mo­do im­pres­sio­nan­te i va­ri ga­dien­ti sui vol­ti o sul­le pa­re­ti in om­bra. La ri­pre­sa stu­pi­sce per sta­bi­lità e li­vel­lo di mes­sa a fuo­co (che è sem­pre per­fet­ta). Inol­tre, e co­me ov­vio, è pri­va di spun­ti­na­tu­re e non pre­sen­ta nes­sun'al­tra di­scon­ti­nuità. La com­pres­sio­ne, da par suo, è qua­si sem­pre per­fet­ta: in­fat­ti non si ri­scon­tra­no qua­dret­ta­tu­re, ru­mo­ro­sità (co­me già an­ti­ci­pa­to) o al­tre di­stor­sio­ni. Tut­ta­via, nel­le sce­ne not­tur­ne dell'ul­ti­ma par­te (una man­cia­ta di se­con­di) com­pa­io­no for­ti "di­scre­tiz­za­zio­ni" sul­le bas­se lu­ci, che però non è chia­ro se di­pen­da­no dal­la com­pres­sio­ne o dal­la ri­pre­sa. per il re­sto, non si ri­scon­tra il mi­ni­mo uso di ed­ge en­han­ce­ment, o dei so­li­ti, dan­no­si fil­tri di ri­pu­li­tu­ra di­gi­ta­le. In de­fi­ni­ti­va, e co­me an­ti­ci­pa­to, il vi­deo di Se­gna­li dal fu­tu­ro ra­sen­ta la per­fe­zio­ne, non fos­se per quel­la "fred­dez­za" e "pa­sto­sità" (so­prat­tut­to dei vol­ti), ti­pi­ca d'un vi­deo di­gi­ta­le che an­co­ra non rie­sce ad emu­la­re in to­to la pel­li­co­la 35 mil­li­me­tri.



Grafico Bitrate (cliccare sopra per ingrandirlo):

Occupazione video: 22,3 Gigabyte - Bitrate video 17 Mbit


Screencapture Bluray: full HD PNG (occhio agli spoiler!!)












Confronto DVD - Bluray dopo il commento sull'audio.


QUALITA' AUDIO (9 e 1/2 su 10): L'au­dio ita­lia­no Dol­by True HD (ascol­ta­to in Dol­by Di­gi­tal 640 Kbit) è spet­ta­co­la­re. Fin dall'ini­zio, in­fat­ti, l'am­bien­te so­no­ro vie­ne riem­pi­to da ef­fet­ti mol­to de­fi­ni­ti su tut­ti i dif­fu­so­ri. I ca­na­li fron­ta­li in­ter­ven­go­no con for­za ma ven­go­no so­ste­nu­ti da po­ste­rio­ri d'ana­lo­ga pre­sen­za, ed esten­sio­ne di­na­mi­ca. Il vo­lu­me di re­gi­stra­zio­ne, inol­tre, è ele­va­tis­si­mo, al pun­to che la nor­ma­le ca­li­bra­zio­ne dell'am­pli­fi­ca­zio­ne dev'es­see ri­vi­sta. Il ca­na­le cen­tra­le, ben lo­ca­liz­za­to e sen­za fru­scii, van­ta un vo­lu­me per­fet­to del­le vo­ci. Sem­pre le vo­ci, inol­tre, suo­na­no pie­ne e com­pat­te, sia nel ca­so di quel­le ma­schi­li che di quel­le fem­mi­ni­li. Co­me se non ba­stas­se, non ci so­no di­stor­sio­ni (sal­vo una di po­co con­to, du­ran­te un dia­lo­go te­le­fo­ni­co), men­tre gli ef­fet­ti, an­che quel­li più ba­na­li ti­po por­te o fi­ne­stre che si chiu­do­no, og­get­ti che ca­do­no, o ve­tri in fran­tu­mi, han­no una di­na­mi­ca me­dio/al­ta stra­bi­lian­te. Co­me ac­cen­na­to, i dif­fu­so­ri an­te­rio­ri la­vo­ra­no egre­gia­men­te ma ap­pa­ga­no so­prat­tut­to per l'am­piez­za di cer­ti ef­fet­ti, non­chè la pre­ci­sio­ne dei pan­ning. Fra que­sti ul­ti­mi, s'ap­prez­za­no quel­li ge­ne­ra­ti da vei­co­li, ef­fet­ti am­bien­ta­li e per­si­no vo­ci, per non par­la­re dei boa­ti du­ran­te le sce­ne ca­ta­stro­fi­co/me­teo­ro­lo­gi­che. Co­me per il cen­tra­le, la di­na­mi­ca stu­pi­sce, gra­zie ad una par­ti­co­la­re sec­chez­za so­prat­tut­to del­le me­die fre­quen­ze. An­che i bas­si, co­mun­que, non man­ca­no, e so­no ri­pro­dot­ti sia dai dif­fu­so­ri fron­ta­li che da un su­b­woo­fer a dir po­co vul­ca­ni­co (e da ca­li­bra­re at­ten­ta­men­te per evi­ta­re ec­ces­si). Le mu­si­che so­no re­se con gran­de pu­li­zia e, seb­be­ne un po' più "sfo­ca­te" de­gli ef­fet­ti, sa­tu­ra­no la stan­za con gran­de con­vin­zio­ne. I po­ste­rio­ri, in­fi­ne, com­ple­ta­no la sce­na sia nei mo­men­ti fra­go­ro­si (con scie ed ef­fet­ti at­ti­vi d'ogni ti­po), sia in quel­li più tran­quil­li. In par­ti­co­la­re, ri­sul­ta­no mol­to pre­ci­si nel­le sce­ne not­tur­ne (con un sug­ge­sti­vo ru­mo­re di ven­to e gril­li), in quel­le con il traf­fi­co ed in tut­to lo "scon­vol­gi­me­to" fi­na­le. Co­me se­quen­ze "de­mo", va­le la pe­na ascol­ta­re tut­te quel­le ca­ta­stro­fi­che: in es­se, in­fat­ti, i dif­fu­so­ri si sca­te­na­no, crean­do pres­sio­ni so­no­re as­sur­de sen­za però di­stor­sio­ni o asprez­ze, e con una se­pa­ra­zio­ne esem­pla­re. Però so­no no­te­vo­li an­che sce­ne più "tran­quil­le" ma dram­ma­ti­che, in cui i bas­si del­la co­lon­na so­no­ra crea­no un ef­fet­to mi­nac­cio­so.



Confronto DVD - Bluray: full HD PNG (occhio agli spoiler!!)




QUALITA' CONTENUTI EXTRA (5 su 10): I con­te­nu­ti ex­tra, se si pen­sa al ge­ne­re di film, so­no dav­ve­ro po­chi, an­che se di qua­lità ac­cet­ta­bi­le. In­clu­si in un menù sia fis­so che ani­ma­to (e di fat­tu­ra di­scre­ta), com­pren­do­no:


Traccia di commento del regista Alex Proyas (Sottotitolata in italiano)

Featurette "Visioni dell'apocalisse" (SD, 17 min. 15 sec.)

Featurette "La realizzazione d'un thriller futuristico" (SD, 12 min. 36 sec.)

Crediti del Bluray

La trac­cia di com­men­to (ascol­ta­ta a cam­pio­ne) sem­bra mol­to "den­sa" ed in­clu­de aned­do­ti d'ogni ti­po. Si va dal­la pro­du­zio­ne agli at­to­ri, pas­san­do per le ope­re pas­sa­te del re­gi­sta ed un'at­ten­ta di­squi­si­zio­ne sui si­gni­fi­ca­ti del­la ta­ma. In par­ti­co­la­re, Proyas fa di­ver­si ri­fe­ri­men­ti bi­bli­ci ed ai con­cet­ti di spe­ran­za e di "pa­ra­di­so" pre­sen­ti in que­sto film ma non so­lo. La fea­tu­ret­te sull'apo­ca­lis­se ha in­ve­ce un to­no ab­ba­stan­za sen­sa­zio­na­li­sti­co, e spie­ga le ori­gi­ni dell'idea di fi­ne del mon­do. Inol­tre, fa ipo­te­si più o me­no plau­si­bi­li sul fu­tu­ro dell'uma­nità, ov­via­men­te in con­nes­sio­ne al­lo svi­lup­po del­la pel­li­co­la. Nel fil­ma­to in­ter­ven­go­no stu­dio­si di va­rio ge­ne­re, e le ci­ta­zio­ni di Ma­ya ed ex­tra­ter­re­stri si spre­ca­no: tut­ta­via, il to­no pia­ce­vo­le e l'alo­ne di mi­ste­ro, mi­sto al­le ipo­te­si scien­ti­fi­che, ren­de la vi­sio­ne ap­pa­gan­te. Il fil­ma­to di pro­du­zio­ne, in­fi­ne, è po­co più che pro­mo­zio­na­le e, co­me pre­ve­di­bi­le, pren­de in esa­me so­prat­tut­to la crea­zio­ne de­gli ef­fet­ti spe­cia­li. Ven­go­no quin­di ana­liz­za­te le va­rie sce­ne ca­ta­stro­fi­che, con par­ti­co­la­re at­ten­zio­ne ai me­to­di di ri­pre­sa ed all'in­se­ri­men­to de­gli ele­men­ti di­gi­ta­li. Le im­ma­gi­ni so­no sem­pre in­te­res­san­ti ma, da­ta la bre­vità, il to­no è trop­po su­per­fi­cia­le. La qua­lità vi­deo de­gli in­ser­ti, tut­ti in bas­sa de­fi­ni­zio­ne ed ac­com­pa­gna­ti da sot­to­ti­to­li in ita­lia­no, è di­scre­ta. Da no­ta­re che la con­fe­zio­ne del di­sco in­clu­de an­che un DVD: all'in­ter­no so­no pre­sen­ti il film (ov­via­men­te in bas­sa ri­so­lu­zio­ne) e gli stes­si ex­tra del­la ver­sio­ne Blu­ray, an­che se in fa­scet­ta non so­no men­zio­na­ti.



link a recensioni esterne:
Scheda del film:
Hardware con cui vedo e ascolto i Blu-Ray (in giallo quello usato per recensire il titolo):
    DISPLAY
    Panasonic plasma FULL HD 55' 3D TX-P55ST50E
    Panasonic plasma FULL HD 50' TX-P50S20
    Panasonic plasma FULL HD 46' TX-P46U20
    Panasonic plasma HD READY 50' TH50-PV60
    Panasonic plasma HD READY 42' TH42-PX7
    Epson proiettore LCD FULL HD EMP TW-980
    Epson proiettore LCD FULL HD EMP TW-680

    LETTORI
    Sony Playstation 3
    Sony BDP S-500
    Sony BDP S-550
    Samsung BDP 1400
    Samsung BDP 1500

    AMPLIFICATORI + DECODER + DIFFUSORI
    Onkyo TX DS-676, Jbl Tlx 500 (centrale), Jbl tlx 700 (frontali, posteriori), Jamo X5 (subwoofer attivo)
    Onkyo TX DS-555, Technics Sh-500, Technics Sb-ca21 (frontali), Wharfedale Modus 3 (posteriori), infinity ref. 100 (centrale)
    Sony str-db 830, sistema satelliti + subwoofer Jbl Scs 140

    CUFFIE
    Decoder Sony MDR-1000 + cuffie Sony MDR-XB600
    Decoder + cuffie Sony MDR-6500
    Decoder + cuffie 5.1 Sharkoon X-Tatic Digital

4 commenti:

3D Miяяoя ha detto...

Ho visto il film lo trovato bellissimo ed originale nella trama non con i soliti riferimenti catastrofico/biblico/apocalittici ecc...
in settimana mi prendo il BD da BB ^^

Bella idea i confronti tra DVD e BD Dart ^^

Yasai

Anonimo ha detto...

Ammirevole il lavoro di recensione che fai, spesso non tutti i blu ray valgono l'acquisto, unico difettuccio la qualità non propio eccelsa dei film, cinema troppo commerciale Tango & cash e le scemate HollyWoodiane imperano nella tua collezione, ok la tecnica ma dovè l'arte ? Comunque grazie ancora per la passione che ci metti.

Anonimo ha detto...

Ammirevole il lavoro di recensione che fai, spesso non tutti i blu ray valgono l'acquisto, unico difettuccio la qualità non propio eccelsa dei film, cinema troppo commerciale Tango & cash e le scemate HollyWoodiane imperano nella tua collezione, ok la tecnica ma dovè l'arte ? Comunque grazie ancora per la passione che ci metti.

DartBadio ha detto...

Beh, adoro le scemate hollywoodiane... però quelle fatte bene ;)

Grazie per i complimenti!!